FOCUS ON

Pagine

8.12.17

ALBERO DI NATALE | Calendario dell'Avvento BL Day 8

Ciao, ciao, ciaooooo... oggi nuovo post dedicato all'iniziativa CALENDARIO DELL'AVVENTO!! Quanto mi sta piacendo leggere tutti i vari articoli delle blogger della Book's League!!
Oggi tocca di nuovo a me e vi parlo dell'Albero di Natale, una tradizione che tutti abbiamo e che in un modo o nell'altro fa parte del Natale!!

Ogni giorno ci sarà un post a tema natalizio, argomenti belli e divertenti e un premio giornaliero per il lettore più bello!!
Come fare per partecipare?
  • commentare i singoli post, lascia la tua email in caso di vincita
  • essere lettore fisso del blog del giorno
  • partecipare all'evento, che trovi QUI
  • FACOLTATIVO ma super apprezzato è l'iscrizione al GRUPPO di Facebook BOOK'S LEAGUE (QUI)

Bene, abbiamo finito le formalità... Ora posso raccontarvi la mia bella storia sull'Albero di Natale!!

Sono stata sempre abituata che l'8 Dicembre si scende in cantina si tira su tutti gli addobbi e alle 15 dopo pranzo, si inizia a 'montare l'Albero'.
In famiglia abbiamo avuto solo un anno un albero vero, che poi mio padre ha ripiantato in giardino, ma è durato solo un estate :/
Da quell'anno (io avevo 3 anni) i miei hanno sempre preferito l'albero "finto", un piccolo abete in plastica di circa un metro. Quando ero piccola io e mio fratello facevamo le gare per vedere chi era più alto.

Comunque dicevo, 15 in punto io e mia madre iniziamo a scartare tutte le cose della scatole, mio padre apre l'albero e mio fratello districa e prova i fili di lucine (c'è sempre un filo che è da cambiare!!)
Poi piano piano montiamo tutto, in un rituale ormai automatizzato, mio padre che gira intorno all'albero e ferma le lucine, io e mia madre che siamo le addette agli addobbi mettiamo tutto, TUTTO, nell'albero, mio fratello sopporta gli scleri di mio padre che non riesce a finire il suo giro di lucine.
Noi, la mia famiglia, siamo abituati a buttarci sempre tutto nell'albero, non abbiamo temi o colori, mia madre è stra attaccata a tutti gli addobbi che nei vari anni ha comprato, la punta di vetro rosa ha ben 27 anni, è tenuta tipo reliquia ovviamente!!

Agli occhi di tutti, l'albero di casa mia risulta sempre pacchiano, pieno zeppo di cose, ma io, io ci leggo gli anni e i regalini che ci siamo fatti. Quegli addobbi fatti in casa perchè non avevamo molti soldi per comprarli e quelli invece comprati nei mercatini di Natale.
Da quando vivo a Bologna, purtroppo non sono riuscita mai a tornare per fare l'albero tutti insieme, e i miei genitori hanno iniziato a farlo qualche giorno prima proprio perchè così l'8 possono venire a trovarmi o fare qualche giro solo loro due^^.

Quindi puntualmente da tre anni ho il messaggio di mia madre con la foto dell'albero, sfocata e segue una telefonata di almeno un ora in cui mi spiega passo passo cosa ha messo (come se fossero cose nuove) mi racconta che mio padre si è bloccato di schiena per montare tutto e che si è rotta una pallina di quelli dorate con le stelle bianche.

Non so voi, ma il messaggio con la foto, per quanto sfocata, mi fa sempre sentire che è Natale.
Ovviamente da tre anni, addobbo un minimo casa mia, a Bologna, o almeno la mia stanza, e il primo Natale che ero via, mia madre si è presentata a Bologna con un mini alberello di Natale e due palline di vetro che erano addobbi storici dell'albero di casa.

Va beh avete capito che questo post è un po no sense, avevo voglia di parlarvi dell'Albero di Natale perchè è una cosa che amo e adoro...
Dai ditemi un po' voi cosa fate, come addobbate (se seguite un tema o un colore) o se avete qualche storia da raccontarmi..
Il commento più emozionante si vince un segnalibro molto speciale :)

PS: grazie sempre a tutti per assecondare i miei deliri, mi fate sentire meno sola^^

4.12.17

FRIDA [RECENSIONE]

Ciao miei carissimi lettori, nuova settimana, nuovo post, nuova recensione!! Voglio un applauso per la mia semi-costanza ahahah

Oggi vi parlo di questo libro che mi ha incantato e affascinato...

FRIDA
di Sara Ciprandi (illustrazioni)
& Lorenza Tonani (testi)

HOP! Edizioni | 27 ottobre 2017 | Grafic Novel | 88p | 18€



Frida Kahlo è stata la più grande pittrice messicana, rivoluzionaria, trasformista, passionale, vitale, di una vitalità impressionante perché espressa in un contesto di malattia. Il dolore fisico accompagna Frida per tutta la vita e le fratture del corpo e dell’anima diventano le ragioni da cui muovere per sviluppare il proprio talento. La condizione di semi-invalidità, che costringe Frida a lunghe degenze a letto, la porta a scegliere l’autobiografismo come soggetto privilegiato dei suoi quadri. E nei suoi autoritratti entrano di prepotenza la storia d’amore con Diego Rivera, con cui condivide le lotte per l’affermazione del comunismo in Messico, la cultura matriarcale della società di Tehuantepec e la sofferenza di fronte all’impossibilità di essere madre. Sara Ciprandi ci regala un’interpretazione di Frida come nessuno prima l’aveva immaginata, una visione elegante e astratta che rende il personaggio ieratico, vicino a un idolo. Una Frida spirituale, un’anima che si muove tra riferimenti colti e un mondo floreale in cui ogni elemento assume un significato preciso, da scoprire come in un rebus per comprendere la vita emotiva del personaggio.

Navigavo a tutta vela sul mio Instagram e per caso mi sono imbattuta in un'immagine bellissima, la copertina di questo piccolo gioiello.
Non ricordo assolutamente chi aveva postato, ma tu, grazie, grazie per avermi fatto comparare una cosa bellissima, perché di "cosa" si tratta; chiamarlo libro è riduttivo.
Io e i grafic novel ci stiamo conoscendo da poco, si sono un amante di manga e fumetti ma con i questo nuovo formato (proprio i grafic novel) ci sto prendendo gusto solo di recente, e beh ovviamente è amore!!

1.12.17

CARO BABBO NATALE | Calendario dell'Avvento BL Day 1

Ciao miei lettori.. lo so, la mia costanza è paragonabile alla presenza del 29 febbraio, ma ehilà eccomi qua.
Oggi, comunque, vi propongo una super iniziativa, io e altre belle blogger ci siamo unite per un CALENDARIO DELL'AVVENTO, perché si ci piace a tutte il NATALE!!!

Ogni giorno ci sarà un post a tema natalizio, argomenti belli e divertenti e un premio giornaliero per il lettore più bello!!
Come fare per partecipare?
  • commentare i singoli post
  • essere lettore fisso del blog del giorno
  • partecipare all'evento, che trovi QUI
  • FACOLTATIVO ma super apprezzato è l'iscrizione al GRUPPO di Facebook BOOK'S LEAGUE (QUI)

Bene, abbiamo finito le formalità... Oggi il post del giorno prevede, LA LETTERA A BABBO NATALE!!!
La mia letterina a Babbo Natale, non so perché ma dall'alto dei miei 23 anni avevo voglia di tornare un po' bimba e scrivere una super letterina come si deve!! Ehm ehm...

Caro Babbo Natale,

27.11.17

LA SCUOLA DEGLI INGREDIENTI SEGRETI [RECENSIONE]

Ciao palloncini, oggi nuova recensione.. Il bello di aver finito gli esami è anche questo, più tempo per leggere!!!
Detto ciò io faccio un appello a tutti quelli che hanno un Libraccio in città, andateci e scovate libri a 2,3,5€ perchè sono sempre i migliori!!

Il libro di cui vi sto per parlare viene proprio da un mio giro esplorativo del Libraccio di Bologna, tappa ormai fondamentale ogni volta che passo per il centro. (amiche e coinquiline si devono sorbire i miei 20/30 min di spulciamento di libri, ma non divaghiamo!!)

LA SCUOLA DEGLI INGREDIENTI
SEGRETI

di Erica Bauermeister

Garzanti | 2009 | Narrativa femminile | 205p | 9,90€



Il profumo di vaniglia e cioccolato riempie la stanza in soffici ondate sovrapposte all’aroma pungente e speziato della cannella. È lunedì, nel ristorante di Lillian è giorno di chiusura, e come ogni settimana si tengono le lezioni del corso di cucina. Circondata dagli allievi, Lillian è in piedi dietro al piano di lavoro: muove delicatamente le mani, sta per aggiungere l’ultimo tocco, l’ingrediente segreto, e poi la torta sarà pronta. Pronta ad addolcire un momento di tristezza, a suggellare una promessa, a regalare un briciolo di felicità. Nessuno meglio di Lillian conosce la magia degli ingredienti, nessuno meglio di lei sa che a volte basta una tazza di cioccolata per cambiare un po’ la vita. Era solo una bambina quando, grazie a una misteriosa ricetta donatale da Abuelita, la donna della bottega delle spezie, ha salvato sua madre. Sono passati anni da allora, anni in cui ha combattuto, ha sofferto, si è ribellata, a volte ha perso ogni certezza, tranne una: la fiducia nella magica alchimia del cibo. È per questo che il suo ristorante, con piatti sempre diversi, è un luogo speciale, dove si ritrovano ricordi perduti, si stringono promesse d’amore o nasce un’amicizia. Lo sanno bene gli allievi del corso di cucina, tutti alla ricerca dell’ingrediente segreto che ancora manca alla loro vita. Come Claire, giovane madre insicura, o Tom, che ha appena perso la moglie; Chloe, ragazza maldestra e vitale; Isabelle, che non ricorda nulla tranne le ricette. Per tutti loro Lillian ha la soluzione: sa che le tortillas restituiscono il gusto piccante dell’avventura, che una soffice glassa può far dimenticare un tradimento e che un ragù al pomodoro schiude le porte di un nuovo amore. Quello che non sa, o che a volte perde di vista, è la ricetta giusta per lei. Potrà ritrovarla solo se accetterà di mettersi alla prova, almeno una volta. Un romanzo memorabile. Venduto in tutto il mondo, è stato proclamato dalle librerie indipendenti americane come il miglior debutto dell’anno. Un libro sui piaceri e sulla magia del cibo, un’alchimia di sapori e sentimenti che racconta una storia di speranza e amore, di gioia e di sorprese.

Libro acquistato quasi per sbaglio, scovato tra i ripiani di Libraccio, mi incuriosiva il titolo, ingredienti segreti, il mio cervello ha pensato, beh che libro potrà essere mai.. quindi tra mille dubbi e incertezze l'ho preso, portato a casa e abbandonato in libreria. Perché si lo confesso, sono un'accumulatrice seriale di libri, ma ho fatto un patto con la me povera di marzo, le ho detto che non avrei comprato più libri (prezzo intero) prima di aver smaltito tutti gli arretrati (cartacei, sono più di 20 ancora!!)
Quindi eccomi qua, che mi sono ritrovata a "smaltire" una lettura, per poi darmi della STUPIDA perché era un libro che dovevo assolutamente leggere. Ma che volete che vi dica, fino a due settimane fa non avevo nessuna voglia di mangiare, cucinare e pensare al cibo, ora invece si e buuuf casca a fagiolo questo libro. LA MAGIA.

18.11.17

SEGNALAZIONE Allison Carter, Il cerchio si chiude | SelfDay

Ciao miei palloncini rossi, terzo post della settimana, si vede che ho finito gli esame (shhhh non esultiamo troppo, sono ancora in attesa di due risultati!!)

Comunque dicevamo, quarto post della settimana che prevede una bella segnalazione di un self publishing; mi scuso per non averla fatta prima ma tra l'università e il rincoglionimento mi era sfuggita. *ehmmmmm*
Bene recuperiamo oggi!!
Il libro che vi segnalo è la conclusione di una serie poliziesca incentrata sulla figura di Allison Carter. Il libro è uscito il 27 ottobre 2017. ▶︎ link di acquisto
Gli altri due libri della serie sono:
Allison Carter #1 Il caso Bright ▶︎ link di acquisto
Allison Carter #2 Cose segrete ▶︎ link di acquisto
Profilo Facebook di Emily Cross ▶︎ QUI
Copyright © PALLE DI NEVE DI CO
Template by: La Creative Room